Invito alla danza – appunti per nuovi innesti tra antico e contemporaneo

Nato nel settembre 2017 in occasione della diciannovesima edizione di Ammutinamenti – festival di danza urbana e d’autore, l’evento Invito alla danza ha segnato una nuova progettualità condivisa tra la Fondazione RavennAntica e Cantieri Danza, sulla scia dell’importante sinergia nata con la rassegna HistrioDanza che, per quattro anni consecutivi, dal 2010 al 2013, ha coinvolto le scuole di danza e i gruppi del territorio nel racconto condiviso – attraverso l’arte visiva e coreutica – dei contenuti di importanti progetti espositivi e siti museali ravennati di ambito antico e contemporaneo.

Un percorso che si è sviluppato non solo grazie al fruttuoso dialogo tra le istituzioni culturali cittadine che hanno creduto e sostenuto il progetto, ma soprattutto grazie alla potenza espressiva degli allievi delle scuole di danza e dei danzatori dei gruppi informali e alla cura che il pubblico ha saputo riservare loro, andando ad innescare una inarrestabile crescita culturale della comunità. Questo ciclo si chiude a settembre in previsione di una nuova fase che continuerà ad essere nutrita dalla linfa vitale della curiosità e della sperimentazione che da sempre connotano la danza contemporanea.

 

> INVITO ALLA DANZA | Edizione 2017
10 settembre 2017 @ Festival Ammutinamenti, Ravenna

Cosa innesca la crescita culturale di una comunità? Cosa spinge gli individui a osservare invece di vedere, a cogliere passaggi sottili tra di campi semantici paralleli, quelle linee a volte impercettibili in grado di veicolare rimandi che solo il contemporaneo riesce a germinare e a rielaborare in qualcosa di nuovo che faccia parte del patrimonio intellettuale ed emozionale della persona? Sicuramente un’idea vivida, contesti potenti e densi di contenuti, e le forze culturali del territorio unite verso un obiettivo comune: offrire opportunità di confronto, palestre per incubare il proprio personalissimo linguaggio, spazi per orientarsi nel caos delle infinite possibilità e poter scegliere cosa essere e come raccontarlo “usando” l’arte dell’espressione del corpo e quella antica delle architetture, degli affreschi, dei mosaici. Quello che comunemente si intende per “trovare la propria strada” confrontandosi con il vissuto personale e la derivazione culturale del contesto proprio e altrui, con tutto il rispetto possibile. E se i protagonisti sono giovani talenti e amanti della danza, questo sì, può fare e ha fatto la differenza. HistrioDanza la rassegna realizzata da RavennAntica in collaborazione con Cantieri e altri importanti partner di settore del territorio che per quattro anni consecutivi, dal 2010 al 2013, ha tenuto vivo il dialogo tra gli allievi delle scuole di danza e importanti musei e contesti culturali della città, proponendo ogni anno un tema nuovo e obbiettivi didattici sempre più strutturati, è cresciuta con finalità semplici, ma ambiziose: fare la differenza nella crescita personale e culturale dei giovani danzatori, mettendoli a confronto con “sfide” costruttive che potessero arricchire il loro vissuto e le loro potenzialità espressive, mettendoli a contatto con importanti realtà culturali (festival, stagioni di danza, contesti storici di grande significato) e nondimeno mettendoli a contatto con il pubblico “giusto”, dotato degli strumenti necessari per comprenderne il contesto.
Raccogliendo la sollecitazione di Cantieri e anche di chi è cresciuto con noi – allievi e insegnanti – proprio da qui vogliamo ripartire: RavennAntica partecipa in commissione per un progetto inserito nel Festival Ammutinamenti per valutare una nuova progettualità condivisa, perché qui abbiamo già trovato terreno fertile per sinergie importanti.
Domenica 10 settembre alle Artificerie Almagià contribuiremo ad esplorare le proposte delle scuole e dei gruppi informali che risponderanno al bando di Cantieri per valutare cosa poter costruire negli spazi e nei cartelloni a nostra disposizione per il comparto danza del nostro territorio.

Testo critico di Linda Landi

Scuole protagoniste: Passi di Danza con le coreografie di Paola Ponti, Ravenna Ballet Studio con coreografie di Francesca Oliviero, OFFicina delle ARTi con coreografie di Elena Casadei, Beat Ballet con coreografie di Elisa Guerrini, Atelier Danza con le coreografie di Claudia Bosco, Centro Professionale Danza con coreografie di Mariella Ciccarino e Carlotta Severi; gruppi informali Altunpas con coreografia di Paola Ponti, Vere Sustanze con coreografie di Michael D’Adamio e Cristina Di Paolo.

> INVITO ALLA DANZA | Edizione 2018
20 marzo 2018 @ Teatro Socjale, Piangipane

Anteprima della rassegna estiva L’ Antico Porto al chiaro di Luna 2018.
Per la prima volta nella cornice del Socjale, l’evento coinvolgerà le scuole di danza e i gruppi informali del territorio che presentano al pubblico i propri progetti di danza contemporanea e di contaminazione, nell’ottica di proseguire la proficua traiettoria nata tra gli attori della scena culturale per valorizzare il comparto danza del territorio.

Scuole protagoniste: Passi di danza diretta da Claudia Bruni con la coreografia Divenire di Cristina Di Paolo, Ravenna Ballet Studio diretta da Cinzia di Pizio con MA, SI, SA… fuga dall’ovvio di Francesca Oliviero, Beat Ballet diretta da Valentina Poggi e Elisa Guerrinii con Love is in the (h)air di Elisa Guerrini, OFFicina delle ARTi diretta da Marco Baldazzi con Formidable, fort minable di Elena Casadei, Centro Professionale Danza diretto da Antonella Bergonzoni con Silence di Mariella Ciccarino e Eccesso di Carlotta Severi, La Torre fitness group diretta da Stefano Tedeschi e Andrea Vacchi Con Luce di Elena Casadei e Sergio Capuano.Rappresenteranno invece i gruppi informali del territorio Gruppo Altunpas con la coreografia Coat, Paola Ponti e Marcus Circus con Siete años y dos dìas di Paola Ponti e Marcus Circus, Rec Project con Intermittenze di Claudia Bosco e Vere Sustanze con Rimembri ancora (estratto) di Michael D’Adamio

> INVITO ALLA DANZA | Edizione 2018
3 luglio 2018 @ Antico Parco Archeologico, Classe

Per la prima volta nella cornice del Parco Archeologico di Classe, l’evento coinvolge le scuole di danza e i gruppi informali del territorio che presentano al pubblico i propri progetti di danza contemporanea e di contaminazione, nell’ottica di proseguire la proficua traiettoria nata tra gli attori della scena culturale per valorizzare il comparto danza del territorio. L’evento è stato costruito come un percorso – composto dalle performance di danza in site specific delle scuole e dei gruppi informali – che si snoderà all’interno del sito archeologico. 

Scuole protagoniste: Passi di Danza diretta da Claudia Bruni, Ravenna Ballet Studio diretta da Cinzia di Pizio, Beat Ballet diretta da Valentina Poggi e Elisa Guerrini, OFFicina delle ARTi diretta da Marco Baldazzi, La Torre fitness group diretta Stefano Tedeschi e Andrea Vacchi, Urban Academy diretta da Sara Miggiano e Enrico Savorani. Rappresentano invece i gruppi informali del territorio Rec Project di Claudia Bosco e Vere Sustanze di Michael D’Adamio.

> INVITO ALLA DANZA | Edizione 2018
9 settembre 2018 @ Festival Ammutinamenti, Ravenna

Dopo gli eventi al Teatro Socjale di Piangipane e all‘Antico Porto Archeologico di Classe, la progettualità del 2018 si conclude ad Ammutinamenti 2018 con un evento che coinvolge ancora una volta le scuole di danza e i gruppi informali del territorio che presentano al pubblico i propri progetti di danza contemporanea e di contaminazione, nell’ottica di proseguire la proficua traiettoria nata tra gli attori della scena culturale per valorizzare il comparto danza del territorio.