Ammutinamenti edizione 2020
Categoria

Data

Set 12 2020 - Set 20 2020

Ammutinamenti 2020: l’impossibile che diventa realtà

L’impossibile è diventato realtà.
Quello che non molti mesi fa sembrava utopico e inattuabile si è rivelato indispensabile e incoraggiante. Tornare ad abitare i nostri luoghi con sguardo ed energie rinnovate restituendo il valore dello spazio pubblico e mettendo in atto nuovi riti del vivere la collettività, ci ha emozionate e nutrite di nuove visioni.

Per otto giornate, Ravenna si è trasformata in una vera e propria città della danza contemporanea, ospitata nei suoi spazi urbani all’aperto, finalmente di nuovo accessibili alla comunità, e nei suoi teatri, anch’essi di recente riapertura.

L’inaugurazione con la poetica passeggiata danzata di Pina Bausch The Nelken Line ha registrato un grande successo di pubblico partecipante, così come gli spettacoli al Parco Deserto Rosso che hanno visto come protagonisti Nicolas Grimaldi Capitello e la danza delicata della coreografa Camilla Monga unita alla musica del jazzista Filippo Vignato. Altro spazio protagonista del Festival sono state le Artificerie Almagià, che hanno accolto la compagnia ravennate gruppo nanou, l’estro creativo del coreografo e danzatore Nicola Galli e Giunco, l’ installazione di Paola Ponti, Giorgia Severi e Giacomo Gaudenzi.

Tra gli spazi di quest’anno si è aggiunto l’ottocentesco Teatro Alighieri che ha ospitato la Vetrina della giovane danza d’autore, azione del Network Anticorpi XL che da anni fa emergere la vitalità della danza italiana e dei suoi nuovi autori di cui quest’anno sono entrati a far parte Jari Boldrini & Giulio Petrucci, Nicola Simone Cisternino, Collettivo Munerude, Lucrezia Gabrieli, Martina Gambardella, Pablo Girolami, Nicolas Grimaldi Capitello, Lia Claudia Latini, Gennaro Andrea Lauro, Nyko Piscopo, Paolo Rosini, Stefania Tansini, Matteo Vignali & Noemi Dalla Vecchia. Accanto a loro, anche il giovane autore Matteo Marchesi che ha presentato BOB per la sezione KIDS del bando Vetrina dedicato alla ricognizione dei lavori rivolti alle nuove generazioni.

Di grande pregio anche i due lavori presentati nell’ambito di Prove d’Autore XL, che ha visto come protagonisti il duo artistico Ginevra Panzetti-Enrico Ticconi in scena con MMContemporary Dance Company e Giselda Ranieri con il Balletto Roma.

Durante il Festival si è svolta anche l’assegnazione dei premi di CollaborAction XL, l’azione del Network Anticorpi XL con cadenza biennale che sostiene attraverso un Premio la creazione di un/a giovane coreografo/a emergente che si distingue nel panorama nazionale degli ultimi anni per la qualità artistica del proprio percorso autoriale.
Il Premio CollaborAction#5 è stato assegnato al progetto THE RIGHT di Carlo Massari, mentre il Premio di sostegno CollaborAction#5 di nuova istituzione è spettato a Marco D’Agostin per il suo SAGA. Entrambi sono stati selezionati per l’altissimo valore dei loro progetti, accomunati da una grande maturità e lucidità artistica.

Infine, anche in questa edizione, non sono mancati i percorsi di formazione Training Days rivolto a ragazzi e ragazze dai 18 ai 25 anni desiderosi di avvicinarsi al mondo dello spettacolo che hanno sperimentato le attività di organizzazione, promozione e comunicazione, partecipato a laboratori tematici e assistito agli spettacoli in programma, e Nuove Traiettorie, azione formativa del Network Anticorpi XL rivolta invece ai giovani coreografi/e selezionati attraverso il bando Vetrina per il loro potenziale creativo, che hanno seguito un ricco programma di lezioni, incontri, confronti e visioni di spettacoli.