Ammutinamenti | edizione 2018
Categoria

Data

Set 19 2018

Ammutinamenti XX: la gioia di un traguardo!

Si è conclusa la ventesima edizione di Ammutinamenti – festival di danza urbana e d’autore, un compleanno che ha voluto raccontare un’esperienza che, negli anni, si è trasformata in pratica etica e civile. Emozione e applausi del numeroso pubblico che ha assistito ai tanti spettacoli e performance.

Il Festival quest’anno ha presentato 30 eventi tra spettacoli, incontri e laboratori, 40 coreografi, coreografe e compagnie che hanno presentato i loro lavori, ha coinvolto 10 luoghi della città di Ravenna e circa 4000 persone che ne hanno seguito gli eventi.

Ammutinamenti XX ha scelto, per questo importante anniversario, spettacoli incandescenti come: Sopra di me il diluvio di Enzo Cosimi, Òmnira della greca Stella Spyrou e R.Osa – 10 esercizi per nuovi virtuosismi di Silvia Gribaudi. Grande coinvolgimento da parte del pubblico anche per il laboratorio Oggi è il mio giorno, condotto con ironia e leggerezza da Silvia Gribaudi, insieme a Matteo Maffesanti, che ha visto protagonisti i cittadini e le cittadine di Ravenna in uno scatenato ballo finale.

Come da tradizione, è stata la giovane danza d’autore ad essere la protagonista del festival attraverso la Vetrina della giovane danza d’autore.
12 i giovani autori e le compagnie emergenti che sono stati selezionati dai più importanti operatori della danza nazionale, partner della rete Anticorpi XL: Aristide Rontini, Luna Cenere, Daria Menichetti, Greta Francolini, Giuseppe Vincent Giampino, Sara Pischedda, Arianna Rodeghiero, Sara Sguotti, Stellario Di Blasi, Daniele Salvitto e Federica Francese, Sabrina Fraternali, Gennaro Andrea Lauro.
I coreografi Francesco Capuano e Nicola Picardi hanno invece coinvolto il pubblico con Glitch Project spettacolo selezionato per l’azione Danza urbana XL, azione del Network Anticorpi XL; la compagnia ravennate gruppo nanou ha presentato Alphabet: metodo, nella Sala del Mosaico della Biblioteca Classense, delicato lavoro coreografico con giovanissime e talentuose danzatrici selezionate dalle scuole di danza di Ravenna.
Di grande livello artistico le Prove d’autore XL, l’azione promossa dal Network Anticorpi XL, che ha visto protagonisti i coreografi Daniele Ninarello e la MM Contemporary Dance, Andrea Costanzo Martini e il Balletto di Roma e Daniele Albanese con il Balletto di Toscana.

Tra gli altri progetti presentati: Bioma, promosso dalla Rete Anticorpi; Invito alla danza – appunti per nuovi innesti tra antico e contemporaneo con le scuole di danza e i gruppi informali della città in collaborazione con la Fondazione RavennAntica e il progetto di formazione Nuove Traiettorie XL: una comunità artistica di coreografi emergenti che ha partecipato a 10 giorni di incontri, confronti, allenamenti e visioni di spettacoli.

Non sono mancati momenti di approfondimento, grazie all’incontro dal titolo Le danze delle residenze – racconti e visioni dai percorsi di residenza dei coreografi selezionati per ResiDance XL e alla presentazione del volume La rete che danza – Azioni del Network Anticorpi XL per una cultura della danza d’autore in Italia 2015-2017 a cura di Fabio Acca e Alessandro Pontremoli.
Finale del Festival, la presentazione di Almanacco CorpoGiochi 2018 in Residenza Comunale.

Il Festival è stato promosso dal Comune di Ravenna – Assessorato alla Cultura, con il contributo della Regione Emilia-Romagna, del Dipartimento dello Spettacolo dal Vivo Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Ater-circuito multidisciplinare dell’Emilia Romagna, Network Anticorpi XL e il patrocinio della Provincia di Ravenna e in collaborazione con Almagià – Rete di associazioni culturali, Biblioteca Classense, Fondazione RavennAntica, Darsena PopUp, Naviga in Darsena, Compagnia Portuale, Palestra La Torre, Cooperativa Spiagge, Pro Loco Marina di Ravenna, Legambiente, Confesercenti Ravenna, Osteria dei Battibecchi, Caffè Nazionale, Miccoli Enogastronomia, Progetto Creative Spirits nell’ambito di Urbact III, Ass. Lucertola Ludens.