Let me be - Comuniello-Guarino - ph. Federico Malvaldi

Luogo

Teatro Alighieri
Via Angelo Mariani 2
Categoria

Maggiori informazioni

Acquisto biglietti

Data

Ott 09 2021

Ora

21:00

Let me be

creazione e interpretazione Giuseppe Comuniello e Camilla Guarino
drammaturgia Camilla Guarino
consulente artistico Silvia Berti
disegno luci Pietro Millosevich
artista sonoro/ disegno del suono Umberto F
creazione video Gabriele Termine
prodotto da Versiliadanza e Fuori Equilibrio
in coproduzione con Centro Internazionale della danza CID, EBA Europe Beyond Access, MAD Murate Art District, Associazione MUS.E, Comune di Firenze
con il sostegno del Centro nazionale di produzione della danza Virgilio Sieni

Come uno sguardo, come un soffio. Come quando qualcuno ti avvicina con cura una mano vicino alle labbra sporche, ma tu capisci e lo precedi. Come la luce alle sei del mattino d’estate, quando non riesci più a riaddormentarti e allora esci sul balcone per capire cosa fare. Come quando fai qualcosa che non avresti mai creduto di poter fare e pensi che allora forse è possibile. Forse a volte è possibile vedere la stessa cosa.
Un paesaggio di corpi, luci e storie si apre davanti a infiniti movimenti, interpretazioni, fisicità.
Immaginari apparentemente uguali cambiano di volta in volta creando molteplici variazioni e punti di vista. Un piccolo mondo con un suo linguaggio, un pianeta contenitore di energie che esplodono in una rete di relazioni tra l’elemento descritto, chi descrive e chi immagina. Uno sguardo sempre più confuso che mette in discussione chi è che guida la visione dell’altro.

* serata Vetrina della giovane danza d’autore – biglietti:
Intero 12 €
Ridotto 8 € (under 26, over 65)
Ridotto 5 € (allievi/e e insegnanti scuole di danza)

***

creation and performer Giuseppe Comuniello e Camilla Guarino
dramaturgy Camilla Guarino
artistic advisor Silvia Berti
light designer Pietro Millosevich
sound designer Umberto F
video maker Gabriele Termine
production of Fuori Equilibrio and Versiliadanza
co-production Centro Internazionale della danza CID, EBA Europe Beyond Access, MAD Murate Art District, Associazione MUS.E, Comune di Firenze
sustained by Compagnia Virgilio Sieni

Like a gaze, like a breath. Like when someone carefully puts his hand close to your dirty lips, but you understand and precede him. Like the light at six o’clock in the morning on a summer’s day, when you can no longer fall asleep and you go out onto the balcony to find out what to do. Like when you succeed in something you were not confident about and hence you think, maybe, it is possible. Maybe sometimes it is possible to see the same thing.
A scenery of bodies, lights, and stories finds its dimension through a handful of gestures, interpretations, and physicalities.
Apparently similar images change from time to time, creating multiple variations and points of view. A little world with its own language, a planet full of energies that explode in a network of relationships between the element described, the one who describes and the one who imagines. An increasingly confused gaze that questions who is that guides the vision of the other.