BOB - Matteo Marchesi

Luogo

Artificerie Almagià
Via dell'Almagià 50
Categoria

Data

Set 18 2020

Ora

18:00

BOB

autore e interprete Matteo Marchesi
disegno luci Luca Serafini
contributi e supervisione audio Andrea Marinelli
costumi Matteo Marchesi, Elena Rossi
produzione Zebra
coproduzione Festival Danza Estate
con il sostegno di Qui e Ora Residenza Teatrale e Centro per la Scena contemporanea di Bassano del Grappa, Centro Danza Canal de Madrid, Orlando Festival, Rete Habitat – Sementerie artistiche, c32performingartworkspace

Cosa si nasconde nel buio? Cosa vuole da noi?
Nel buio si apre la strada. Tanto infantile quanto dissacrante, come i mostri di ogni immaginario, assume un carattere eccessivo, violento. BOB è un mostro che emerge da un luogo di cui il pubblico è forse ospite o forse preda; cresce e si evolve mutando genere e intenzioni, bisogni e pulsioni giocando con l’incedere, la paura e la seduzione di un corpo che può respingere. È un corpo che tradisce e che si impone in una dialettica tra lo spazio personale e quello sociale della condivisione, in cerca di uno stato di grazia. La performance è il risultato di due anni di ricerca con gruppi di bambini sull’esplorazione dei mostri, delle loro apparenze, dei bisogni e dei luoghi a cui possono o non possono appartenere. Per questo BOB è un viaggio attraverso la soglia di un luogo oscuro, che inghiotte chi vi guarda e vi si specchia attraverso. È un viaggio in un luogo di creature informi e mutevoli che si avvicinano. È una sfida a condividere un luogo con una figura distorta, fluida, che possiamo desiderare o respingere, qualcuno da abbracciare o temere.

Creazione selezionata grazie al monitoraggio avviato quest’anno in via sperimentale attraverso la sezione KIDS del bando Vetrina della giovane danza d’autore, dedicato alla ricognizione dei lavori rivolti alle nuove generazioni. I partner di Anticorpi XL aderenti all’azione hanno infatti individuato il lavoro del giovane Matteo Marchesi come progetto da sostenere attraverso CollaborAction Kids, azione che offre differenziati strumenti di sostegno e accompagnamento allo sviluppo del progetto rivolto al giovane pubblico.

 

** spettacolo non acquistabile online e a prenotazione obbligatoria da effettuare solo telefonicamente o via e-mail. I biglietti prenotati potranno essere acquistati presso la biglietteria del luogo di spettacolo a partire da un’ora prima.
biglietto unico 5€

***

by and with Matteo Marchesi
light designer Luca Serafini
sound supervisor Andrea Marinelli
costume designer Matteo Marchesi, Elena Rossi
produced by Zebra
co-produced by Festival Danza Estate
supported by Qui e Ora Residenza Teatrale e Centro per la Scena contemporanea di Bassano del Grappa, Centro Danza Canal de Madrid, Orlando Festival, Rete Habitat – Sementerie artistiche, c32performingartworkspace

What is hiding in the dark? What are we asked for? In the darkness he/she opens a path. So childish, but so desecrating, as any monster of our imagination, Bob comes to excess and violence. Bob is a creature emerged from a place of its own, where the audience is maybe guest, or maybe prey. He/she grows and evolves shifting genders, intentions, needs and compultions by playing with pace, fear and seduction of a body that can repulse. It is a body that betrays and self imposes, in a dialogue between personal and collective space, looking for a state of grace. The performance is the result of a two years research with a group of kids exploring monsters, their appearences, their needs and perceptions of places they do or do not belong. Therefore it is a journey across a threshold of a dark place, that engages and swallows who is on the border in self-representing, into a place inhabited by a ever-changing creature coming closer and closer. It is a challenge on sharing a space with a twisted figure that we can desire or reject, someone to embrace or fear.