Argon | Fabrizio Favale

Luogo

Piazza Kennedy
Ravenna
Categoria

Data

Set 07 2019

Ora

17:30

Argon

coreografia e regia Fabrizio Favale
set First Rose
video Anna de Manincor | ZimmerFrei
suono Massimo Carozzi | ZimmerFrei
cast  Daniele Bianco, Vincenzo Cappuccio, Andrea Del Bianco, Fabrizio Favale, Francesco Leone, Mirko Paparusso, Angelo Petracca
produzione KLm – Kinkaleri,  Le Supplici, mk, ZimmerFrei
in coproduzione con Museion / Bolzano Danza
con il contributo di MIBAC, Regione Emilia-Romagna
spettacolo selezionato per Danza Urbana XL – azione del Network Anticorpi XL

 

Questo lavoro parte dall’esplorazione dei concetti di stato della materia – aeriforme, solido, liquido, plasma – fino a raggiungere paesaggi dell’immaginario dove si intravedono profili, creature, uomini, storie. In Argon questo processo di esplorazione viene trasposto in danza, nel tentativo di rivelare quale tipo di emozioni, relazioni e nuove forme danzate questo processo può generare.
La coreografia procede continua a variabile come un cielo montano o densità di foresta, attraversando brani dalle alte intensità dinamiche ed emotive, fino quasi a dissolversi nella leggerezza e rarefazione.
Il nome “Argo” è in effetti molte cose e molte forme. È allo stesso tempo un elemento chimico gassoso leggerissimo usato nella forma liquida per raffreddare i giganteschi macchinari del CERN e un’antica città greca, è la nave degli Argonauti e il nome del cane di Ulisse…
Questo lavoro presenta un universo molto variabile e alterabile, agito da un piccolo gruppo di giovani uomini che, attraverso la danza, rivelano momento dopo momento suggestioni molto diverse, che fluttuano in qualcosa di astratto e inorganico come densità di gas, o in qualcosa di ancestrale e mitico, come un gruppo di nudi atleti greci, o ancora che si surriscalda e diventa ardente come in un’attrazione d’amore.